Visualizzazione dei risultati da 1 a 7 su 7
  1. #1
    Junior
    Registrato dal
    Mar 2006
    Messaggi
    25

    Predefinito Pericolo astratto e Pericolo concreto

    La differenza? Esempi come quello sul semaforo rosso nel pericolo astrattoo?

  2. #2
    Senior L'avatar di xxxxangel
    Registrato dal
    Jul 2007
    Messaggi
    775

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alibiax2 Visualizza il messaggio
    La differenza? Esempi come quello sul semaforo rosso nel pericolo astrattoo?
    Ciao. Nel pericolo concreto la norma stessa richiede che si controlli l'effettivo pericolo, spetta al giudice accertarne l'esistenza; nel pericolo astratto invece si è puniti A PRESCINDERE dal pericolo, a prescindere cioè da UN CONCRETO pericolo di danno: il giudice è dispensato dallo svolgere ulteriori indagini circa la verificazione dell'effettiva messa in pericolo di un determinato bene; è SUFFICIENTE la condotta a cui GENERALMENTE si accompagna la messa in pericolo di un bene (ripeto: generalmente, ma il giudice nn deve verificare che ci sia davvero questa messa in pericolo).
    Esempi: pericolo concreto: art. 422, delitto di strage "chi al fine di uccide, compie atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità..." = qui il giudice deve accertare se gli atti hanno il requisito di EFFETTIVA PERICOLOSITA';
    pericolo astratto: art. 423 incendio di cosa altrui "chiunque cagiona un incendio è punito...": si PRESUME che l'incendio porti a un pericolo ma il giudice è dispensato dal verificare l'eventuale pericolosità.
    Spero di averti un po' chiarito i dubbi...buono studio

  3. #3
    Junior
    Registrato dal
    Mar 2006
    Messaggi
    25

    Predefinito ..

    grazie. Ma quindi è una differenza solo a livello formale, della specificazione del pericolo nella norma?

  4. #4
    Senior L'avatar di xxxxangel
    Registrato dal
    Jul 2007
    Messaggi
    775

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alibiax2 Visualizza il messaggio
    grazie. Ma quindi è una differenza solo a livello formale, della specificazione del pericolo nella norma?
    direi qualcosa in più...nn è che la differenza si limita a specificare il pericolo ma anche la punibilità... se una norma prevede il pericolo concreto e questo di fatto nn è accertato dal giudice nn si è puniti e, viceversa, se una norma prevede un pericolo astratto basta che tu abbia posto in essere la condotta tipica x essere punito a prescindere dal fatto che la tua condotta sia di fatto un pericolo....

  5. #5
    Senior L'avatar di xxxxangel
    Registrato dal
    Jul 2007
    Messaggi
    775

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alibiax2 Visualizza il messaggio
    La differenza? Esempi come quello sul semaforo rosso nel pericolo astrattoo?
    curiosità: ma qual è l'esempio del semaforo?

  6. #6
    Member L'avatar di stefyd
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    69

    Predefinito

    guarda, a livello normativo la differenza formale tra i due pericoli è spesso la sua esplicita previsione legislativa nel pericolo astratto. Molte norme, ad esempio relative alla sicurezza sul lavoro, prevedono esplicitamente la pericolosità di un'attività, inserendo il termine "pericolo" "pericoloso/a" all'interno dell'articolo

    per quanto riguarda il semaforo rosso la norma del codice della strada dice che è obbligatorio fermarsi alla luce rossa della lampada semaforica. Se non lo si fa, siccome si presume che non fermarsi col rosso comporti un pericolo a carico degli automobilisti che hanno il verde e dei pedoni, allora si applica la sazione, senza la necessità di accertare in concreto la pericolosità della condotta

  7. #7

    Registrato dal
    Dec 2007
    Messaggi
    4

    Predefinito

    grazie è servito anche a me

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •