Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2
  1. #1
    westsideny
    Ospite

    Predefinito aiuto devo leggere in metrica

    vi prego aiutatemi ho bisogno della scansione metrica di primi 35 versi della quarta bucolica di Virgilio! Potete scrivere in neretto le lettere da accentare!
    Vi prego sono nei guai : l'esametro proprio non lo so leggere!!!
    ----------------------------------------------
    Sicelides Musae, paulo maiora canamus.
    non omnis arbusta iuvant humilesque myricae;
    si canimus silvas, silvae sint consule dignae.

    Ultima Cumaei venit iam carminis aetas;
    magnus ab integro saeclorum nascitur ordo. 5
    iam redit et Virgo, redeunt Saturnia regna,
    iam nova progenies caelo demittitur alto.
    tu modo nascenti puero, quo ferrea primum
    desinet ac toto surget gens aurea mundo,
    casta fave Lucina; tuus iam regnat Apollo.
    Teque adeo decus hoc aevi, te consule, inibit,
    Pollio, et incipient magni procedere menses;
    te duce, si qua manent sceleris vestigia nostri,
    inrita perpetua solvent formidine terras.
    ille deum vitam accipiet divisque videbit 15
    permixtos heroas et ipse videbitur illis
    pacatumque reget patriis virtutibus orbem.

    At tibi prima, puer, nullo munuscula cultu
    errantis hederas passim cum baccare tellus
    mixtaque ridenti colocasia fundet acantho.


    ipsae lacte domum referent distenta capellae
    ubera nec magnos metuent armenta leones;
    ipsa tibi blandos fundent cunabula flores.
    occidet et serpens et fallax herba veneni
    occidet; Assyrium vulgo nascetur amomum. 25

    At simul heroum laudes et facta parentis
    iam legere et quae sit poteris cognoscere virtus,
    molli paulatim flavescet campus arista
    incultisque rubens pendebit sentibus uva
    et durae quercus sudabunt roscida mella.

    Pauca tamen suberunt priscae vestigia fraudis,
    quae temptare Thetin ratibus, quae cingere muris
    oppida, quae iubeant telluri infindere sulcos.
    alter erit tum Tiphys et altera quae vehat Argo
    delectos heroas; erunt etiam altera bella 35
    atque iterum ad *****m magnus mittetur Achilles.


  2. #2
    TUTOR
    Ospite

    Predefinito Re: aiuto devo leggere in metrica

    Caro/a Westsideny,
    Uff che fatica avrai fatto a ricopiare tutti questi versi! Non facevi prima a cercare di individuarne la scansione metrica?
    Ti dico io come devi fare:
    L'esametro è scandito sei piedi
    _ _ I _ _ I _ _ I _ _ I _ _ I _ _

    o, che è la stessa cosa, da tre metron composti ciascuno da due piedi:
    _ _ _ _ I _ _ _ _ I _ _ _ _

    La scansione metrica poi è basata sulla alternanza di sillabe lunghe e brevi (- = lunga; U = breve; - = UU, cioè una lunga equivale a due brevi) che scandiscono i diversi tipi di piede:
    dattilo= - U U
    spondeo= - -
    trocheo= - U (nell'esametro lo puoi trovare solo nell'ultimo o sesto piede).
    Innanzitutto devi riconoscere la lunghezza delle vocali delle parole (ci sono delle regole precise, ad esempio se una vocale è seguita da due consonanti è lunga; il dittongo è sempre lungo; al contrario, vocale davanti a vocale è sempre breve; poi la e della desinenza del perfetto indicativo III pers. plur. -erunt è sempre lunga; ecc.).
    Una buona lettura ti aiuta (ricordi le leggi dell'accento? se no, ripassale sulla tua grammatica...).
    Una volta stabilita la lunghezza delle vocali (non sempre è semplicissimo, qualche volta ci devi ragionare o ricorrere al vocabolario) e, sapendo in che metro è scritta l'opera, puoi andare a posizionare gli accenti giusti!
    Facciamo un esempio:
    Sicelides Musae, paulo maiora canamus
    si legge
    Sìcelidés Musé, paulò maiòra canàmus
    perchè è basato su questa alternanza:
    - U U - - - - - U U - U U - -
    dattilo spondeo spondeo dattilo dattilo spondeo.
    Prova tu, ora. E ricorda che l'ultimo metron (o gli ultimi due piedi) terminano quasi sempre con la stessa cadenza - U U - - (cioè tàtata tàta).
    Questo ti può aiutare.
    Secondo verso:
    non omnis arbusta iuvant humilesque myricae
    - - - - - U U - U U - U U - -
    Capito? E si legge così:
    nòn omnìs arbùst(a) iuvànt humilésque myrìce

    Se hai ancora problemi fammelo sapere o contattami per telefono (899 899 987 a 1,8 euro al minuto iva inclusa).
    A presto
    TUTOR
    P.S. Se i tuoi problemi riguardano proprio la lettura in metrica, ricordati che per leggere la vocale accentata devi solo pronunciarla più forte (alzando un pò la voce). Ebbene si, è tutto qui!


    > vi prego aiutatemi ho bisogno della scansione
    > metrica di primi 35 versi della quarta bucolica di
    > Virgilio! Potete scrivere in neretto le lettere da
    > accentare!
    > Vi prego sono nei guai : l'esametro proprio non lo
    > so leggere!!!
    > ----------------------------------------------
    > Sicelides Musae, paulo maiora canamus.
    > non omnis arbusta iuvant humilesque myricae;
    > si canimus silvas, silvae sint consule dignae.
    >
    > Ultima Cumaei venit iam carminis aetas;
    > magnus ab integro saeclorum nascitur ordo.
    > 5
    > iam redit et Virgo, redeunt Saturnia regna,
    > iam nova progenies caelo demittitur alto.
    > tu modo nascenti puero, quo ferrea primum
    > desinet ac toto surget gens aurea mundo,
    > casta fave Lucina; tuus iam regnat Apollo.
    > Teque adeo decus hoc aevi, te consule, inibit,
    > Pollio, et incipient magni procedere menses;
    > te duce, si qua manent sceleris vestigia nostri,
    > inrita perpetua solvent formidine terras.
    > ille deum vitam accipiet divisque
    > videbit 15
    > permixtos heroas et ipse videbitur illis
    > pacatumque reget patriis virtutibus orbem.
    >
    > At tibi prima, puer, nullo munuscula cultu
    > errantis hederas passim cum baccare tellus
    > mixtaque ridenti colocasia fundet acantho.
    >
    >
    > ipsae lacte domum referent distenta capellae
    > ubera nec magnos metuent armenta leones;
    > ipsa tibi blandos fundent cunabula flores.
    > occidet et serpens et fallax herba veneni
    > occidet; Assyrium vulgo nascetur amomum. 25
    >
    > At simul heroum laudes et facta parentis
    > iam legere et quae sit poteris cognoscere virtus,
    > molli paulatim flavescet campus arista
    > incultisque rubens pendebit sentibus uva
    > et durae quercus sudabunt roscida mella.
    >
    > Pauca tamen suberunt priscae vestigia fraudis,
    > quae temptare Thetin ratibus, quae cingere muris
    > oppida, quae iubeant telluri infindere sulcos.
    > alter erit tum Tiphys et altera quae vehat Argo
    > delectos heroas; erunt etiam altera
    > bella 35
    > atque iterum ad *****m magnus mittetur Achilles.
    >
    >


Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •