Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3
  1. #1
    Non registrato
    Ospite

    Post versione 4 ginnasio dedalo ed icaro

    In Creta quondam Daedalus cum filio Icaro captivus erat. Valde Daedalus patriam longinquam desiderabat, sed rex Minos undas et terrae vias claudebat; itaque Daedalus caeli vias temptavit: pinnis alas paravit, cera vinxit et suis humeris aptavit. Deinde filio quoque alas aptavit sed ita eum admonuit: "Fili mi, prudenter vola et Phoebi flammas vita!". Filio oscula dedit et evolaverunt. Sed Icarus improvidus Dedaali praeceptis non oboedivit, altius volavit et Phoebi flamma alarum ceram solvit. Tum miser puer frusta brachia sine alis agitavit et, dum Daedalus vocat, animam exhalavit in undis.

    Qualcuno puo' darmi una mano? Io ho tradotto solo questo pezzo fino ad adesso:
    "Un tempo Dedalo con il figlio Icaro erano prigionieri e Creta" Ma non riesco a dargli un senso e neanche a continuare.. mi aiutate?

  2. #2
    Silvia4788
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Non registrato
    In Creta quondam Daedalus cum filio Icaro captivus erat. Valde Daedalus patriam longinquam desiderabat, sed rex Minos undas et terrae vias claudebat; itaque Daedalus caeli vias temptavit: pinnis alas paravit, cera vinxit et suis humeris aptavit. Deinde filio quoque alas aptavit sed ita eum admonuit: "Fili mi, prudenter vola et Phoebi flammas vita!". Filio oscula dedit et evolaverunt. Sed Icarus improvidus Dedaali praeceptis non oboedivit, altius volavit et Phoebi flamma alarum ceram solvit. Tum miser puer frusta brachia sine alis agitavit et, dum Daedalus vocat, animam exhalavit in undis.

    Qualcuno puo' darmi una mano? Io ho tradotto solo questo pezzo fino ad adesso:
    "Un tempo Dedalo con il figlio Icaro erano prigionieri e Creta" Ma non riesco a dargli un senso e neanche a continuare.. mi aiutate?
    "Dedalo desiderava fortemente la patria lontana, ma il re Minosse chiudeva le vie di terra e di mare; e così Dedalo tentò la via del cielo; costruì delle ali con piume, le unì con la cera e le adattò(nel senso che le indossa...) alle sue spalle. Dunque adattò le ali anche al figlio e lo ammonì così:"Figlio mio, vola prudentemente ed evita le fiamme di Febo!". Diede dei baci al figlio e volarono via. Ma l'incauto Icaro non obbedì agli ammonimenti di Dedalo, volò troppo in alto e la fiamma di Febo sciolse la cera delle ali. Allora il povero fanciullo invano agitò le braccia senza ali e, mentre Dedalo lo chiamava, morì tra i flutti del mare.

  3. #3
    Silvia4788
    Ospite

    Predefinito

    p.s. Un giorno rimpiangerai queste versioni... Buon anno!

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •