Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4
  1. #1
    Member
    Registrato dal
    May 2006
    Messaggi
    188

    Unhappy Aiutooo xfavore Apuleio!!!!

    Salve mi indichereste analogie e differenze tra le metamorfosi di apuleio ed il Satyricon di Petronio?????
    Quanto prima xfavoreeee, grzie anticipatamente...

  2. #2

    Registrato dal
    Jun 2010
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Proprio stamattina ho trovato questo:


    Il Satyricon, capolavoro a livello mondiale, in realtà non ha niente di certo tranne il suo valore: infatti non sono certi né l’autore ( anche se la maggior parte dei critici sia propensa nell'attribuirlo a Petronio ), né la datazione, né la lunghezza, né la trama. La datazione è certamente attribuibile non oltre l’impero di Nerone. L’autore stesso ha dei punti di contatto con il suo periodo storico: il gusto per i bassifondi, in complicità con i gusti di Nerone che aveva un’intensa vita notturna, e per i bassi strati della società. Lo stile del romanzo ha dato più problemi ai critici: infatti il linguaggio parlato di alcuni personaggi minori è profondamente diverso dal linguaggio letterario normalmente usato. Questi volgarismi sono riconducibili, attraverso altre fonti in altre opere), al linguaggio parlato dai strati più bassi della popolazione. Petronio quindi fece una grossa opera per portare alla luce questo tipo di linguaggio armonizzandolo perfettamente al resto del linguaggio del romanzo.

    Nessuno dei termini che noi usiamo per definire la narrativa (romanzo, novella) ha dei corrispondenti nel mondo antico, in quanto venivano considerati argomenti frivoli e molti si vergognavano di ammettere di leggere questo tipo di romanzo.Vi sono solo un gruppo di opere dell’antichità che i moderni definiscono "romanzi":il Satyricon di Petronio e la Metamorfosi di Apuleio.
    Questi romanzi greci sono uniti da una continuità di temi trattati e di caratteristiche delle opere. La trama è quasi invariabile: vi sono due innamorati che a causa di avversità vengono separati e si ritroveranno solamente dopo mille peripezie. La suspense in questi romanzi è data dal modo in cui la donna mantiene la sua castità per il giovane amato. Lo scenario invece è variabile tra diverse città del Mediterraneo, inoltre è scarso l’inquadramento storico e l’interesse per la realtà contemporanea.Nel Satyricon invece l’amore è visto in modo ben diverso: non c’è spazio per la castità e il tema del sesso viene espresso esplicitamente. Tant’è vero che il protagonista, Encolpio ha dei rapporti amorosi di ogni tipo e il suo partner preferito è il maschile. Si è pensato addirittura che il Satyricon possa essere la parodia del romanzo idealizzato greco, vedendo nella coppia Gitone-Encolpio la parodia della coppia greca; è anche vero però che i due non si separano mai, e quindi è pensabile che Petronio si sia riferito ad un altro genere di letteratura, quella novellistica, che trattava temi più frivoli.
    Un filone importante è quello che gli antichi spesso etichettano come fabula Milesia (dalla Milesiaka di Aristide). Petronio fece largo uso di questo tipo di poesia, come, per esempio possiamo vedere nel racconto di Eumolpio sulla vedova matrona di Efeso che, innamoratasi di un giovane soldato, arriva a esporre sulla croce la salma del marito pur di salvare il suo amante.
    Il Satyricon è un romanzo molto complesso dal punto di vista della trama, con continui intrecci di personaggi che ritroviamo dopo molto tempo la loro comparsa (Lica e Trifena); inoltre ci sono situazioni tipiche che si ripetono, anche se cambiano i personaggi minori, ma che in comune hanno l’umiliazione, l’intrappolamento di Encolpio: il protagonista uscirà da queste situazioni, ma degraderà in altre ancora peggiori. Ancora più complessa è la forma del romanzo, in cui vi sono alternanze di versi poetici alla prosa comune (si guardi alla Presa di ***** e alla Guerra Civile cantati da Eumolpio). Tra questi inserti poetici ogni tanto il narratore si ferma abbandonando gli avvenimenti per commentarli.
    La libera alternanza tra prosa e poesia fa pensare subito alla satira menippea, il cui esempio più vicino è l’Apokolokyntosis di Seneca.
    Il dato più originale del Satyricon è il suo realismo.
    Il romanzo ha una sua trama ben definita, ma fra una disgrazia e un’altra di Encolpio a Petronio piace soffermarsi sulla descrizione degli ambienti comuni ai romani quali la pinacoteca, la scuola di retorica, il banchetto in casa Trimalcione, la piazza del mercato. Inoltre il realismo è evidente dalla scelta del linguaggio quotidiano da parte di Petronio.
    Il realismo della satira si concentra soprattutto su alcuni tipi di personaggi guardati tutti attraverso un filtro morale.
    Il Satyricon ha una forte tendenza verso la parodia di brani classici greci e latini: si notano infatti citazioni di autori come Omero, Virgilio, Seneca.
    Vi sono forti richiami alla grande epica e soprattutto all’Odissea. Intanto le peripezie di Encolpio possono essere considerate come la parodia di quelle di Ulisse; inoltre Encolpio è perseguitato dall’ira di Priapo, come Ulisse era perseguitato da Nettuno e Helios.
    Anche le avventure di Encolpio inoltre sembrano causate da uno sgarbo iniziale contro Priapo, anche se solo intuibile dalla trama.

  3. #3
    Member
    Registrato dal
    May 2008
    Messaggi
    161

    Predefinito

    La risposta precedente è abbastanza chiara riguardo a Petronio, ma non mette in evidenza analogie e differenze; intanto, proprio perché il Satyricon ci è giunto mutilo, non possiamo fare un paragone completo. Tutti e due sono, in apparenza, romanzi d' avventura, però nel S è chiaro l'intento di fare una satira della società contemporanea; in più contiene generi misti (satira menippea, fabula milesia, realismo con termini presi dalla lingua volgare, genere Horror); le Metamorfosi sono essenzialmente un percorso iniziatico: il protagonista, uomo curioso e frivolo, dopo un percorso travagliato, giunge alla saggezza, anche grazie alla dea Iside. Il linguaggio e le situazioni oscene sono presenti in entrambi, come l'elemento erotico. Petronio accenna a cultura e retorica (la figura del retore Agamennone), Apuleio cura di più l'aspetto filosofico - allegorico (favola di Amore e Psiche) e quello religioso (siamo in pieno sincretismo religioso), anche con esagerazioni e oscenità.
    A vittoria94 Piace questo elemento.

  4. #4

Tag per questa discussione

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •