Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3
  1. #1
    Member
    Registrato dal
    Mar 2006
    Messaggi
    97

    Predefinito Cosa vuol dire essere bravi in matematica?

    E' da un po' che me lo chiedo, ma non sono ancora riuscito a trovare una risposta. E' abbastanza diffuso il mito del matematico in grado di compredere tutto rapidamente, di risolvere problemi in poco tempo, capace di impostare ragionamenti ipercomplessi in modo rapidissimo (quasi con un'intuizione istintuale) , e soprattutto senza commettere mai errori (perchè è padrone del metodo). Ma, chiedo a voi che sicuramente avrete più esperienza di me, è questo l'essere bravi in matematica? Oppure la tempra del bravo matematico è quella curiosità di andare oltre, di non fermarsi ai meccanismi esterori che pervadono la realtà? Boh.....

  2. #2
    Member L'avatar di purevibe
    Registrato dal
    Jun 2007
    Messaggi
    412

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fedekarl Visualizza il messaggio
    E' da un po' che me lo chiedo, ma non sono ancora riuscito a trovare una risposta. E' abbastanza diffuso il mito del matematico in grado di compredere tutto rapidamente, di risolvere problemi in poco tempo, capace di impostare ragionamenti ipercomplessi in modo rapidissimo (quasi con un'intuizione istintuale) , e soprattutto senza commettere mai errori (perchè è padrone del metodo). Ma, chiedo a voi che sicuramente avrete più esperienza di me, è questo l'essere bravi in matematica? Oppure la tempra del bravo matematico è quella curiosità di andare oltre, di non fermarsi ai meccanismi esterori che pervadono la realtà? Boh.....
    Penso che due siano gli assi nella manica di ogni Matematico con l'iniziale maiuscolo:

    1)La curiosità (Non solo legata all'ambito scientifico)
    2)La brillantezza intuitiva e cogitativa.

  3. #3
    Member L'avatar di Andrea2976
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Pavia
    Messaggi
    31

    Predefinito

    Da matematico ti dico che non credo assolutamente a questi stereotipi.

    Studiando mate (e sforzandosi di arrivare a capire i singoli dettagli delle varie problematiche) la mente si forma su un metodo che permette di risolvere i problemi eliminando il superfluo e giungendo velocemente alla conclusione (anche se alcune volte il "velocemente" si traduce in pagine e pagine di dimostrazione).
    Per il resto anche i geni devono faticare parecchio per arrivare ai loro risultati.

    Rispondo infine alla tua domanda (forse avrei dovuto farlo subito): esseri bravi in mate significa applicarsi costantamente in modo da tenere la mente sempre pronta.

    Volevo sfatare un altro mito (almeno per quanto mi riguarda): ci sono i matematici "disturbati" come J. Nash (beatiful mind, mi sembra che sia l'unico sui cui si sia fatto un film di successo...ce ne sono tanti altri volendo di mate "dist...") e poi ci sono anche quelli che giocano anche alla "play(station)" e non fanno battute idiote sulle formule (non sono mai riuscito a ridere su queste cose...che tristezza).

    Saluti,
    Andrea

    P.S. Se vi piace la matematica studiatela e se un giorno vi scoprirete il Gauss della situazione lasciate qualcosa di scritto in modo che anche io leggendola possa dire: "infine poteva venire in mente anche a me!"

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •