Pagina 1/15 1 2 3 11 ultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 114
  1. #1
    sao
    Ospite

    Question Laureato triennale continuare o no????

    Salve a tutti, cerco consigli, possibilmente da gente con un pò + di esperienza di me, senza nulla togliere a nessuno ma purtroppo la mia generazione non penso possa saperne più di me a riguardo. In ogni caso sono lieto di ascoltare consigli da chiunque voglia darmeli.
    Sono un laureato in ingegneria informatica 1 livello, adesso inscitto da un anno al corso di specialistica dove ho dato 6 dei 18 esami. Ho 25 anni e ho cominciato a fare i primi colloqui ai quali sono succedute le prime proposte di lavoro che si raggirano intorno a 1000 euro netti al mese. Sono profondamente indeciso se intraprendere questa nuova esperienza cercando cmq di continuare il prgetto specialistica (+ diluito nel tempo) o continuare a studiare per rimandare la chiamata al lavoro ai prossimi 2-3 anni....
    Del resto in queste specialistice, per quanto riguarda il mio caso, si trovano ancora materie con algebra, matematica, e tante altre cose che si sa, a un ingegnere non sono mai calate di gusto.
    Dunque mi chiedo la specialistica è solo un titolo in + da scrivere nel curriculum, o una possibilità di aggiungere nuove conoscenze pratica per il mondo del lavoro? E se fosse solo un titolo fornirebbe davvero le potenzialità per aspirare a un di +, oppure oggi siamo in un era in cui vale solo chi sa fare dato che di gente con i titoli ce n'è già tanta? Capisco che è anche un pò tutto quello che ho scritto ma in un caso come il mio voi che fareste? Cosa ne pensate?
    Scusatemi per il forse troppo lungo post.

    Grazie a tutti e ciao!

  2. #2

    Registrato dal
    Aug 2006
    Messaggi
    6

    Predefinito Stessa storia

    Ciao ho letto la tua situazione e mi ci ritrovo in pieno.

    Io ho 24 anni ed una laurea triennale in Economia ed ho deciso di continuare...

    Dopo la triennale ero convinto di smettere di studiare e iniziare a lavorare. Ho trovato subito dopo la laurea un lavoro presso una ditta di informatica. Li dentro affiancavo il direttore commerciale, facevo un lavoro che mi piaceva e che rispecchiava quello che avevo studiato.

    Mi hanno assunto con un contratto di apprendistato per 4 anni a 900 euro al mese. Praticamente mi hanno inquadrato allo stesso livello di un ragazzo appena diplomato di 20 anni che ha iniziato lo stesso periodo con me. Non mi lamento della paga, anzi in giro siamo su questi livelli. La differenza tra me e il diplomato è che io magari ho già un mio settore mentre lui verrà impiegato dove servirà.

    Sono stato li 3 mesi e andava tutto bene, finche la direzione decide, senza darmi spiegazioni ragionevoli, di cambiarmi di ruolo. Praticamente mi sbattono dall'ufficio commerciale a quello tecnico (poi insieme a quel ragazzo di cui ho parlato prima) a fare il programmatore di sw.
    Quindi mi ritrovo a fare un lavoro che non voglio, per cui la mia laurea non serve ad un tubo e che devo iniziare da zero.
    Ho fatto diversi colloqui in giro ma nessun risultato per il momento. Per ora rimango li ma senza stimoli e col solo obiettivo di portare 900 euro a casa ogni mese. E' bruttissimo

    A questo punto mi è nata l'idea di fare la specialistica, la vedo però come un modo fuggire dalla mia attuale situazione. Poi se mi permetterà di fare un salto di qualità anche meglio ma credo che i risultati si vedranno solo dopo quest'altra laurea, quando tornerò a cercare lavoro.

    Penso che questi due anni che mi aspettano, non vadano visti solo come andare a lezione studiare e dare esami, ma proverò a fare anche tutte le altre iniziative stage ed erasmus in primis...

    In fondo a lavorare bisogna andarci come minimo per 50 anni no!!!

    Ciao

  3. #3
    marilatosi
    Ospite

    Exclamation

    A me mancano 5 esami a finire la lurea triennale in lingue ma in giro non vedo nessuna prospettiva seria e meno seria di utilizzare la mia futura laurea. Piacerebbe anche a me fare la specialistica, ma purtroppo devo scontrarmi con una realtà veramente misera. Voi almeno avete delle lauree scientifiche che,come avete scritto voi stessi, vi permettono di guadagnare 900-1000 € al mese che non sono pochi... Io vi consiglierei di accontentarvi del vostro attuale lavoro e studiare da non frequentanti per la laurea specialistica. Più si aspetta ad entrare nella giungla del lavoro e peggio è. Un alternativa,se ve la sentite, è provare a estendere le ricerche di lavoro all'estero,anche in USA,dove sono pagati fior di dollari sia ingegneri che dottori. Purtroppo in Italia continuano a esserci laureati ma non c'è lavoro per loro. Io sicuramente mi orienterò verso l'estero,anche perchè studio lingue. Fossi in voi però ci farei un pensierino. In bocca al lupo!!

  4. #4
    Mega GOD L'avatar di natsumi23
    Registrato dal
    Feb 2006
    Messaggi
    35,755

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da marilatosi Visualizza il messaggio
    A me mancano 5 esami a finire la lurea triennale in lingue ma in giro non vedo nessuna prospettiva seria e meno seria di utilizzare la mia futura laurea. Piacerebbe anche a me fare la specialistica, ma purtroppo devo scontrarmi con una realtà veramente misera. Voi almeno avete delle lauree scientifiche che,come avete scritto voi stessi, vi permettono di guadagnare 900-1000 € al mese che non sono pochi... Io vi consiglierei di accontentarvi del vostro attuale lavoro e studiare da non frequentanti per la laurea specialistica. Più si aspetta ad entrare nella giungla del lavoro e peggio è. Un alternativa,se ve la sentite, è provare a estendere le ricerche di lavoro all'estero,anche in USA,dove sono pagati fior di dollari sia ingegneri che dottori. Purtroppo in Italia continuano a esserci laureati ma non c'è lavoro per loro. Io sicuramente mi orienterò verso l'estero,anche perchè studio lingue. Fossi in voi però ci farei un pensierino. In bocca al lupo!!
    anche facendo domanda all'estero la situazione attuale è tragica purtroppo..! percio' meglio cogliere al volo l'occasione di avere un lavoro pagato 1000 euro al mese e magari continuare a studiaree..ma di questi tempi,io nn rifiuterei quel lavoro! è solo la mia opinione cmq!

  5. #5

    Registrato dal
    Aug 2006
    Messaggi
    6

    Thumbs up Avete ragione, ma...

    Avete pienamente ragione a consigliarmi di non lasciare il lavoro che attualmente sto facendo...Potrei benissimo mettermi il cuore in pace e adattarmi a questo lavoro e portare a casa i 1000 euro alla fine del mese. Fino a qui ok!!!

    Ma quando penso che ho investito 3 anni di vita nello studio e che poi non mi vengono riconosciuti per niente, non in senso economico ci mancherebbe ma nel fatto di non poter esercitare un lavoro nel settore che mi piace e che farei con passione. Conosco e sono deluso della situazione del lavoro in Italia, fatta di poche occasioni e ingiustizie all'ordine del giorno, il mio messaggio precedente ed i colloqui di lavoro che ho sostenuto me lo hanno fatto capire meglio!!

    Per questo sto valutando di tentare all'estero, ma attraverso l'università stessa. Ho scelto di continuare con una laurea specialistica che prevede studi e soggiorni all'estero, sempre in materia di economia, e spero che mi dia le giuste esperienze e perche no mi metta sulla strada giusta per il lavoro.

    In pratica questo vorrà dire mettersi sui libri per altri due anni, ma credo che sia la strada giusta almeno per me di correre dietro e riuscire a fare ciò che mi piace.

    Ho deciso di lasciare il mio attuale lavoro per questo motivo. i soldi che ho guadagnato finora li impiegherò per pagarmi i prossimi due anni.

    Se avessi invece deciso di adattarmi e rimanere con il mio attuale lavoro, mi sarei accontentato e tranquillizzato. Non so voi, ma una volta che si lavora e si vedono i soldi alla fine del mese, è dura rinunciare allo stato di sicurezza in cui ci si trova. Ma sicuramente mi sarei portato dietro il rimorso di non aver mai tentato altre strade.

    Ho 24 anni e se non mi smuovo adesso non lo faccio più. E' un rischio da correre, ma credo, almeno per me, un investimento da fare!

    L'augurio che mi faccio da solo, ma anche a tutti è quello di trovare un lavoro che esprima ciò che ci piace e ciò che ci piace fare. Se arriverà presto, tardi o per niente, pazienza ma almeno bisogna provarci ed impegnarsi con convinzione nel trovarlo!!! Io credo in questo...

    Ciao

  6. #6
    Mega GOD L'avatar di natsumi23
    Registrato dal
    Feb 2006
    Messaggi
    35,755

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da davbia Visualizza il messaggio
    Avete pienamente ragione a consigliarmi di non lasciare il lavoro che attualmente sto facendo...Potrei benissimo mettermi il cuore in pace e adattarmi a questo lavoro e portare a casa i 1000 euro alla fine del mese. Fino a qui ok!!!

    Ma quando penso che ho investito 3 anni di vita nello studio e che poi non mi vengono riconosciuti per niente, non in senso economico ci mancherebbe ma nel fatto di non poter esercitare un lavoro nel settore che mi piace e che farei con passione. Conosco e sono deluso della situazione del lavoro in Italia, fatta di poche occasioni e ingiustizie all'ordine del giorno, il mio messaggio precedente ed i colloqui di lavoro che ho sostenuto me lo hanno fatto capire meglio!!

    Per questo sto valutando di tentare all'estero, ma attraverso l'università stessa. Ho scelto di continuare con una laurea specialistica che prevede studi e soggiorni all'estero, sempre in materia di economia, e spero che mi dia le giuste esperienze e perche no mi metta sulla strada giusta per il lavoro.

    In pratica questo vorrà dire mettersi sui libri per altri due anni, ma credo che sia la strada giusta almeno per me di correre dietro e riuscire a fare ciò che mi piace.

    Ho deciso di lasciare il mio attuale lavoro per questo motivo. i soldi che ho guadagnato finora li impiegherò per pagarmi i prossimi due anni.

    Se avessi invece deciso di adattarmi e rimanere con il mio attuale lavoro, mi sarei accontentato e tranquillizzato. Non so voi, ma una volta che si lavora e si vedono i soldi alla fine del mese, è dura rinunciare allo stato di sicurezza in cui ci si trova. Ma sicuramente mi sarei portato dietro il rimorso di non aver mai tentato altre strade.

    Ho 24 anni e se non mi smuovo adesso non lo faccio più. E' un rischio da correre, ma credo, almeno per me, un investimento da fare!

    L'augurio che mi faccio da solo, ma anche a tutti è quello di trovare un lavoro che esprima ciò che ci piace e ciò che ci piace fare. Se arriverà presto, tardi o per niente, pazienza ma almeno bisogna provarci ed impegnarsi con convinzione nel trovarlo!!! Io credo in questo...

    Ciao
    condivido cio'che hai detto e mi ritrovo nelle frasi che ti ho messo in neretto,perchè anche io mi sono chiesta se fare la specialistica o no..ala fine ho pensato che se nn mi iscrivo ora nn mi iscrivero'mai piu'e se non mi fossi iscritta,magari in futuro me ne sarei pentita!
    in ogni caso continuo a cercare lavoro,,nn si sa mai.
    ti faccio i miei migliori auguri per la tua scelta e vai avanti per la tua strada!
    in bocca al lupo!

  7. #7
    sao
    Ospite

    Predefinito

    la mia situazione è un pò diversa effettivamente. Io andrei a fareu n lavoro che mi piace e che alla fine è il lavoro pratico di ciò che ho studiato. In ogni caso, non lascerò la specialistica, anche se so che è molto difficile, spero di poterle finira magari in più tempo.

  8. #8
    sao
    Ospite

    Predefinito

    ....che poi riflettevo ancora su una cosa: col VO le materie erano circa 30 adesso sono 32 nella triennale + 18 della specialistica, per un totale di 50 materie.....

Pagina 1/15 1 2 3 11 ultimo

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •